Golden Milk

Golden milk

Come forse avrete notato, la curcuma è il leitmotiv della settimana.
L’ha citata Lorenzo Ferrante nell’intervista di lunedì, l’ho usata nella video ricetta di ieri.

Ma la curcuma è diventata famosa in questi ultimi mesi per il golden milk.

L’avete mai sentito nominare?

Il golden milk è una bevanda che con il latte vaccino non ha niente a che vedere.
Il nome golden è dato dal colore giallo, che a sua volta è dato dalla curcuma, che è una radice efficace contro i dolori articolari, infatti è un potente infiammatorio, per alleviare i dolori mestruali, per il gonfiore addominale e per dolori quali mal di testa o mal di denti.

Il golden milk è una bevanda che viene dall’India, patria dello yoga: non è un caso, infatti, che questa bevanda aiuti la flessibilità articolare. Ad oggi questa bevanda è diffusa in tutto il mondo, perché i benefici che può apportare sembrano infiniti.
Ovviamente, come tutti i rimedi naturali, come dico io, non devono essere un “cerotto su un tumore”, ma devono essere inseriti in uno stile di vita equilibrato, con un’alimentazione pulita e bilanciata.

A proposito di alimentazione, il golden milk depura il fegato, favorisce la digestione dei grassi e la digestione difficile in generale, mantiene attivo il metabolismo e stimola la produzione della bile. Inoltre, riduce i livelli di colesterolo e di trigliceridi nel sangue.

Questi benefici sono dovuti alla curcumina, presente ovviamente nella curcuma, che è l’ingrediente principale della bevanda.
Tale è il potere della curcumina che nella medicina Ayurvedica il golden milk è considerato al pari dell’aspirina.

Il golden milk andrebbe assunto per un ciclo di 40 giorni, una volta al giorno, preferibilmente la mattina a digiuno, quando il nostro corpo è più recettivo verso i nutrienti.

Per prepararlo occorre partire dalla pasta di curcuma, che è un ingrediente, della consistenza del dentifricio, da preparare all’inizio del ciclo e che dura fino alla fine, chiusa in un barattolo in frigorifero.
Per fare la pasta di curcuma servono 50 grammi di curcuma in polvere e 120 grammi di acqua minerale naturale. Curcuma e acqua vanno scaldate in un pentolino a fuoco basso, mescolando continuamente, per 2 o 3 minuti, finché non si raggiunge la consistenza giusta. Alcune ricette riportano anche un pizzico di pepe nella pasta di curcuma. A voi la scelta.
Per preparare il golden milk bisognerà far bollire una tazza di latte vegetale (ormai in commercio ce ne sono di ogni), con un cucchiaio di pasta di curcuma. Il golden milk andrà poi dolcificato con del malto o sciroppo d’acero, andrà aggiunto un cucchiaio di olio di cocco o di mandorle e spolverizzato con un cucchiaino di miele.

Ricapitolando:

Per la pasta di curcuma:
50 gr di curcuma in polvere
120 gr di acqua minerale naturale
Un cucchiaino di pepe (opzionale)

Far cuocere 2 o 3 minuti a fuoco basso, mescolando, fino ad ottenere una pasta densa.
Conservare fino a 40 giorni in frigorifero in un barattolo chiuso.

Per il golden milk:
Un cucchiaio di pasta di curcuma
Una tazza di latte vegetale
Un cucchiaino di olio di cocco o di olio di mandorle dolci ad uso alimentare
Malto o sciroppo d’acero a piacere
Un pizzico di cannella

Far bollire il latte con la pasta di curcuma, aggiungere l’olio, il dolcificante scelto e spolverizzare con la cannella.

Bere una volta al giorno per 40 giorni.

Voi l’avete mai provato?
Fatemelo sapere nei commenti!

Commenti

commenti

This Post Has One Comment

  1. Pingback: Lorenzo Ferrante - Vivere senza dolori - Bacche di Gioia - Ricette Vegan - Cucina Naturale - Chef Vegan a Milano

I commenti sono chiusi.